60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo

gennaio 2009

L’ «Aula Paolo VI » in cui si è svolto il concerto

Una serata memorabile in compagnia di Vacheron Constantin per celebrare il 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo presso il Vaticano

 

La Manifattura Vacheron Constantin è orgogliosa di aver collaborato all’organizzazione del concerto tenutosi il presso il Vaticano per celebrare il 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo.

Per la prima volta nella storia del Vaticano, è stata una donna a dirigere il concerto. Il 10 dicembre 2008, a capo della Brandenburgisches Staatsorchester Frankfurt e con la complicità del talentuoso pianista Boris Berezovsky, la direttrice d’orchestra Inma Shara ha conquistato il pubblico dell’aula Paolo VI con un programma musicale ricco ed emozionante che spaziava da Mozart a Ponchielli.

Davanti a un parterre in cui spiccavano personaggi illustri quali il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, il corpo diplomatico e la curia al gran completo, il Direttore generale dell’Organizzazione Internazionale del lavoro, Juan Somavia, oltre a numerose personalità della scena politica ed economica, Papa Benedetto XVI ha calorosamente applaudito i musicisti e ringraziato Vacheron Constantin per la propria collaborazione.

Dopo il concerto, Vacheron Constantin ha invitatato i musicisti e i clienti più affezionati a prendere parte alla cena presso Palazzo Brancaccio in presenza di Cornelio Sommaruga, ex-Presidente del Comitato Internazionale della Croce Rossa, premiato dal Vaticano per il contributo apportato in favore della pace nel mondo.

Papa Benedetto XVI e Juan-Carlos Torres, CEO di Vacheron Constantin

Papa Benedetto XVI e Juan-Carlos Torres, CEO di Vacheron Constantin

Inma Shara, direttrice della Brandenburgisches Staatsorchester Frankfurt

Inma Shara, direttrice della Brandenburgisches Staatsorchester Frankfurt

Cornelio Sommaruga alla cena organizzata da Vacheron Contantin a seguito del concerto

Cornelio Sommaruga alla cena organizzata da Vacheron Contantin a seguito del concerto